Exhibitions | currentupcomingpast X

Max Coppeta | visioni transitorie - works 2001.2012
opening: 06.10.2012
closing: 10.02.2013


EXTRA: [ Video ]   [ Web experience ]
TERRA DI BABILONIA / ROOM 1
to see the project click here
--------------------------------------
IL GIOCOLIERE / ROOM 2
to see the project click here
--------------------------------------
CARTE DA GIOCO / ROOM 2 new
to see the project click here
--------------------------------------
NOI / ROOM 2
to see the project click here
MACBETH / ROOM 1 VOCI CHE NESSUNO ASCOLTA / ROOM 3  

PRESS RELESE

Max Coppeta / visioni transitorie - works 2001.2012
curated by Antonello Tolve
opening / 06/10/2012, ore 20.00
www.dirartecontemporanea.eu
from 07/10/2012 to 10/02/2013
info -39 333.4461479
dirarted20@gmail.com

Dirartecontemporanea gallery | 2.0 by Angelo Marino is pleased to announce, Saturday 6th October 2012, the opening of his own virtual exhibition area with Visioni Transitorie, a personal by Max Coppeta curated by Antonello Tolve. The exhibition , divided in five stages, in five macro-ambients, shows some projects (some of them are still work in progress) that Coppeta has made from 2001 to 2012. From linguistic and aesthetic experiments that on the one hand they go through the human - Macbeth (2000), Regalo di Dio (2001), Terra di Babilonia (2003), Il giocoliere (2003) and the project Noi (2005) which are some clear examples -,on the other, from a strictly corporeal point of view, they produce an analysis on technique and on materials utilized. In this second operational track there are, for example, some works of 2012- the brilliant Piogge sintetiche - that show the last phase of his work. A work in continuous metamorphosis. This is an aesthetic project that get together under the same aesthetic sky, the manual, the material and the mental, for elaborate a visual rebus that deals with the instable logics of everyday life.

COMUNICATO STAMPA

Max Coppeta / visioni transitorie - works 2001.2012
a cura di Antonello Tolve
opening / 06/10/2012, ore 20.00
www.dirartecontemporanea.eu
dal 07/10/2012 al 10/02/2013
info -39 333.4461479
dirarted20@gmail.com

La dirartecontemporanea gallery | 2.0 di Angelo Marino è lieta di annunciare, sabato 6 ottobre 2012, l'apertura del proprio spazio espositivo virtuale con Visioni Transitorie, una personale di Max Coppeta curata da Antonello Tolve. La mostra, divisa in cinque tappe, in cinque macro-ambienti, presenta alcuni progetti (alcuni lavori in corso) che Coppeta ha realizzato dal 2001 al 2012. E cioè da esperimenti linguistici ed estetici che se da una parte attraversano l'umano - Macbeth (2000), Regalo di Dio (2001), Terra di Babilonia (2003), Il giocoliere (2003) e il progetto Noi (2005) ne sono alcuni esempi luminosi -, dall'altra, da un punto di vista più strettamente corporeo, producono un'analisi sulle tecniche e sui materiali utilizzati. A questo secondo binario operativo fanno parte, ad esempio, alcuni lavori del 2012 - le brillanti Piogge sintetiche - che rappresentano gli ultimi stadi del suo lavoro. Di un lavoro in continua metamorfosi. Di un progetto estetico che riunisce sotto uno stesso cielo estetico, il manuale, il materiale e il mentale, per elaborare un rebus visivo che fa i conti con le logiche instabili della quotidianità.

BIOGRAPHY

MAX COPPETA Born in Sarno in 1980, lives and works in Bellona (CE). Alongside studies in Stage Design (Academy of Fine Arts in Naples, 2002), the Master in Interaction Design organized by the Istituto Superiore di Design of Turin (2002), is the solution for design Coppeta Max (2001), specializing in multimedia productions (among the various projects we can mention the official site of the Teatro Bellini in Naples and New Paths of Theatrical Review). In 2006 he specialized in Visual Arts and Entertainment in '99 and began to gain experience as a graphics designer. In parallel with his professional since 2001, will search for the various languages ??and materials of contemporary art. In 2011 he founded the Washi s.r.l. where he is currently director and designer. Among his recent awards are remembered WRITING MUTANT - Book Fair of Turin (Torino, 2003/2005/2007), Top Talent Award / Europrix Multimedia Awards (Salzburg, 2004), Macromedia / Adobe (California, 2005), World Summit Award / E-Content Award It (Tunisy, 2005), PWI / Italy Web Award - Critics Award (Francavilla al Mare, 2006) and Rome over design (Rome, 2008). Among the exhibitions The Juggler (Fisciano, 2007), Body (Rome 2008), Symmetries Calligrafiche (Salerno, 2009), Center (San Casciano in Chianti - FI, 2009), Voices that no one listens (Saint Agatha of the Goths - BN 2010), voices and other items (Ferrara, 2010), Memento Audere web (Pescara, 2011), DMS (Florence, 2011), Generation XXX (Rome, 2011).

BIOGRAFIA

MAX COPPETA Nato a Sarno nel 1980, vive e lavora a Bellona (Ce). Accanto agli studi in Scenografia (Accademia di Belle Arti di Napoli, 2002), il Master in Interaction Design organizzato dall'Istituto Superiore di Design di Torino (2002), costituisce la Max Coppeta solution for design (2001), specializzandosi in produzioni multimediali (tra i vari progetti si ricordano il sito ufficiale del Teatro Bellini di Napoli e quello della Rassegna Teatrale Nuovi Sentieri). Nel 2006 si specializza in Arti Visive e Spettacolo mentre nel '99 comincia a maturare esperienze come graphics design. Parallelamente all'attività professionale, sin dal 2001 avvia una ricerca dedicata ai vari linguaggi e materiali dell'arte contemporanea. Nel 2011 fonda la Washi s.r.l. di cui è attualmente amministratore e designer. Tra i suoi ultimi premi si ricordano SCRITTURA MUTANTE - Fiera del Libro di Torino (Torino, 2003/2005/2007), Top Talent Award / Europrix Multimedia Awards (Salisburgo, 2004), Macromedia / Adobe (California, 2005), World Summit Award / E-Content Award It (Tunisy, 2005),PWI / Premio Web Italia - Premio della Critica (Francavilla al Mare, 2006) e Roma design più (Roma, 2008). Tra le mostre Il giocoliere (Fisciano, 2007), Corpo (Roma 2008), Simmetrie Calligrafiche (Salerno, 2009),Feedback (San Casciano in Pesa - FI, 2009), Voci che nessuno ascolta (Sant'Agata del Goti - BN, 2010),Voci e altre voci (Ferrara, 2010), Memento audere web (Pescara, 2011), DMS (Firenze, 2011), Generazione XXX (Roma, 2011).

THE REALITY | 2.0 by Max Coppeta by Antonello Tolve

What does it mean, today, coming back to the reality through linguistic expedients related at what Jaron Lanier has defined, back in the day, virtual reality? And what does it mean reappropriate of the life's world and reproduce it with mechanisms that don't want to replace the real, but want to describe it through different emotions? With the assistance of a thin expedient that projects, in a mutual exchange of the parts, the real into the unreal and, vice versa, the everyday unreality into the ordinary reality, Max Coppeta (Sarno, 1980) tries to answer at these questions building, for a long time, soft and mellow creative braches between two worlds the real and the virtual, to be more precise. His match is played, indeed, on the fragile ground of a reality that bend herself at the thematic magic (technologic) of the simulated interaction for give rise to a stylistic adventure which thrives as on strictly technological abecedarium as on subversive expedients towards the used software, up to create visual forms and formulas designated to show an atmosphere connected to the dream, to the dream's dream. Guarded, monitored, disciplined from a strictly techno-scientific nature, the Coppeta's artistic panorama leaves the strict track of the reason and arrives at the landscapes of the fantastic. A fiction that is positioned, moreover, as key point between the real and the artificial for underline, once again, a planning will that founds in the human body its own answers and its own creative prefixes. Going through the body and his different forms, the artist proposes, however (since 2001, starting year of the excursus proposed in his personal, Visioni transitorie), a discussion completely dedicated at the aesthetic integration between a series of surgical tools used in the first half of the Twentieth-Century (scrape bone, tongue depressor, tools and needles for transfusion or simple little tubes for drip) and the human organism to create a relation and penetration between the metallic tools and the living thing by seductive scanografie. His are parallel countries that push the spectator in search of a visual trace that constantly move the needle of the creative compass on the human experience between the real and the real 2.0.On the wish of integrate and replace, of doing a metamorphosis and narrow the fields of human intervention in a globalized and ubiquitous view. The exhibition , divided in five stages, in five macro-ambients, shows some projects (some of them are still work in progress) that Coppeta has made from 2001 to 2012. From linguistic and aesthetic experiments that on the one hand they go through the human Macbeth (2000), Regalo di Dio (2001), Terra di Babilonia (2003), Il giocoliere (2003) and the project Noi (2005) which are some clear examples ,on the other, from a strictly corporeal point of view, they produce an analysis on technique and on materials utilized. In this second operational track there are, for example, some works of 2012 the brilliant Piogge sintetiche that show the last phase of his work. A work in continuous metamorphosis. This is an aesthetic project that get together under the same aesthetic sky, the manual, the material and the mental, for elaborate a visual rebus that deals with the instable logics of everyday life.

LA REALTA' | 2.0 di Max Coppeta di Antonello Tolve

Cosa vuol dire, oggi, ritornare al reale mediante espedienti linguistici legati a quella che Jaron Lanier ha definito essere, in tempi non sospetti, virtual reality? E cosa riappropriarsi del mondo della vita e riprodurlo con meccanismi che non vogliono sostituire il reale, piuttosto raccontarlo attraverso emozioni differenti? Con l'ausilio di un espediente sottile che proietta, in uno scambio reciproco delle parti, il reale nell'irreale e, viceversa, l'irrealtà quotidiana nella realtà ordinaria, Max Coppeta (Sarno, 1980) cerca di rispondere a questi punti di domanda costruendo, da tempo, morbide e soffici brecce creative tra due mondi il reale e il virtuale, più precisamente. La sua partita è giocata, difatti, sul terreno fragile di una realtà che si inclina alle magie tematiche (tecnologiche) dell'interazione simulata per dar luogo ad una avventura stilistica che si nutre tanto di abbecedari strettamente tecnologici quanto di espedienti sovversivi nei confronti del software impiegato, fino a creare forme e formule visive designate a mostrare un'atmosfera legata al sogno, al sogno di un sogno. Presidiato, sorvegliato, disciplinato da una natura strettamente tecno-scientifica, il panorama artistico formulato da Coppeta deraglia dai sentieri rigidi della ragione per approdare, così, ai paesaggi del fantastico. Di una finzione che sa porsi, tra l'altro, come punto nevralgico tra il reale e l'artificiale per sottolineare, ancora una volta, una volontà progettuale che trova nel corpo umano le proprie risposte e i propri prefissi creativi. Attraversando il corpo e le sue varie declinazioni, l'artista propone, difatti (sin dal 2001, anno di partenza dell'excursus proposto nella sua personale, Visioni transitorie), un discorso interamente dedicato all'integrazione estetica tra una serie di strumenti chirurgici utilizzati nella prima metà del Novecento (raschia ossa, abbassa lingua, attrezzi e aghi per trasfusione o semplici tubicini per flebo) e l'organismo umano per dare origine ad un rapporto di relazione e compenetrazione tra gli utensili in metallo e il vivente mediante seducenti scanografie. I suoi sono paesi paralleli che spingono lo spettatore alla ricerca di una traccia visiva che sposta continuamente l'ago della bussola creativa sull'esperienza dell'uomo tra il reale e il reale 2.0. Sul desiderio di integrare e sostituire, di metamorfosare e restringere i campi d'intervento umano in un panorama mondializzato e ubiquizzato. Divisa in 5 tappe, in cinque grandi ambienti metafisici, la mostra presenta alcuni progetti (alcuni lavori in corso) che Coppeta ha realizzato dal 2001 al 2012. E cioè da esperimenti linguistici ed estetici che se da una parte attraversano l'umano Macbeth (2000), Regalo di Dio (2001), Terra di Babilonia (2003), Il giocoliere (2003) e il progetto Noi (2005) ne sono alcuni esempi luminosi , dall'altra, da un punto di vista più strettamente corporeo, producono un'analisi sulle tecniche e sui materiali adoprati. A questo secondo binario operativo fanno parte, alcuni lavori del 2012 le brillanti Piogge sintetiche che rappresentano gli ultimi stadi del suo lavoro. Di un lavoro in continua metamorfosi. Di un progetto estetico che riunisce sotto uno stesso cielo estetico, il manuale, il materiale e il mentale, per elaborare un rebus visivo che fa i conti con le logiche instabili della quotidianità.

Copyright © 2012-2017 dirartecontemporanea 2.0 gallery
Webmaster Mirko Valentino
FOLLOW US