Exhibitions | currentupcomingpast X

Claudia Jares | My Long Play
opening: 24.11.2014
closing: 20.02.2015

PRESS RELEASE

CLAUDIA JARES - My Long Play
Text by Ileana Maria Zaza
Curated by Angelo Marino
Opening 24.11.2014 from 9:00 pm ( connecting to: www.dirartecontemporanea.eu )
Closing 20.02.2015 8:00 pm
Dirartecontemporanea|2.0 gallery
Info: +39 333 44 61 479
dirarted20@gmail.com

My Long Play

Buenos Aires, August 2014 - CLAUDIA JARES: Long Plays. We use to call our albums, vinyl like that, when we were kids we used to hear to them repeatedly, until the point of exhaustion. Did I say exhaustion? Well, it was not really that. I could listen to the songs of an album a million times without getting tired of it. I would like to play in my room, my shelter, the place where everything happened. It was my favourite place in the house, the place where I could be totally by myself, dressing me up, playing to be a bride with an old curtain, wearing make up, dancing, trying hairstyles, look myself in the mirror, trying new clothes, observing, investigate, and find myself...daydreaming. Beatitude. This was the best part. Dreaming that the actor on the wall was my boyfriend. That will be together forever. Imagine him staring at me intensely. Dreaming moments full of romanticism, of love. Desire to be in love. Dreaming about my future, my goals, to put all my hopes in that dreams. Believing that also praying my desires would come true... there in my room. Listening to my long plays. I dreamt to be someone, to have my life, to be a doctor, a painter, a vet. Living adventures. I dreamt about myself as a woman. I wanted my true love kiss. If there's something I can tell for sure is that I felt really happy in that room, and many of that desires came true. And I still got dreams in which I keep to find myself.

COMUNICATO STAMPA

CLAUDIA JARES - My Long Play
Testo di Ileana Maria Zaza
A cura di Angelo Marino
Inaugurazione 24.11.2014 dalle 21:00 ( connettendosi a: www.dirartecontemporanea.eu )
Chiusura 20.02.2015 20:00
Dirartecontemporanea|2.0 gallery
Info: +39 333 44 61 479
dirarted20@gmail.com

My Long Play

Buenos Aires, Agosto 2014 - CLAUDIA JARES: Long Plays. E' così che usiamo chiamare i nostri albums, i nostri vinili, quelli che quando eravamo ragazzi ascoltavamo infinite volte, fino allo sfinimento. Ho detto sfinimento? Beh, non è stato davvero così. Ho potuto ascoltare canzoni dall'album un milione di volte senza mai stancarmi. Mi piacerebbe giocare nella mia stanza, il mio rifugio, il luogo in cui è accaduto tutto. E 'stato il mio posto preferito in casa, il luogo dove potevo essere totalmente per conto mio, vestirmi, giocare a fare la sposa con una vecchia tenda, make up, danzare, provare acconciature per i miei capelli, guardarmi allo specchio, provare i miei vestiti, osservare, indagare, e ritrovarmi ... a Sognare, ad occhi aperti. Beatitudine. Questa è stata la parte migliore. Sognare che l'attore sul muro fosse il mio ragazzo. Che non ci saremmo mai lasciati. Immaginarlo a fissarmi intensamente. Sognare momenti pieni di romanticismo, di amore. Desiderio di essere innamorata. Sognare il mio futuro, i miei obiettivi, di mettere tutte le mie speranze in quei sogni. Credere che anche pregando i miei desideri si sarebbe avverati ... Lì nella mia stanza. Ascoltando i miei Longplays. Ho sognato di essere qualcuno, di avere la mia vita, di essere un medico, un pittore, un veterinario. Vivere avventure. Ho sognato di me stessa come donna. Desideravo il bacio del mio vero amore. Se c'è qualcosa che posso dire per certo è che mi sono sentita veramente felice in quella stanza, e molti di quei desideri si sono avverati. E ho ancora dei sogni nei quali continuo a ritrovare me stessa.

dirartecontemporanea|2.0 gallery is pleaced to announce the opening online ( www.dirartecontemporanea.eu ) on Monday 24th November 2014 from the 9PM of the solo exhibition of Claudia Jares titled My Long Play. A video and 15 photos medium and large sized that form the corpus of the whole exhibition through which the Argentinian artist refers us - "in a precise dimension of our life, a time and space that preserve that existence threshold wherein the possibilities of being seem to be infinite deploying in a motionless and dreamy waiting." as Ileana Maria Zaza writes in the text of presentation at the exhibition.

La dirartecontemporanea|2.0 gallery è lieta di annunciare l'apertura in rete (www.dirartecontemporanea.eu) lunedi 24 novembre 2014 dalle ore 21:00 della personale di Claudia Jares dal titolo My Long Play. Un video e 15 foto di medie e grandi dimensioni costituiscono il corpus dell'intera esposizione attraverso cui l'artista argentina ci rimanda - " ... ad una dimensione precisa della nostra vita, un tempo e luogo che custodiscono quella soglia dell'esistenza in cui le possibilità dell'essere appaiono infinite dispiegandosi in una immota e sognante attesa." come scrive Ileana Maria Zaza nel testo di presentazione alla mostra.

Claudia Jares. The play of Dreaming
by Ileana Maria Zaza

A closed space, that of a common room, old-fashioned: few furniture, a bed, a closet and a bedside table, a white embroidered curtain that filters the rays of sun of a window, a crucifix hanging on the wall; a young woman with an unripe body and black boots; an expanded time as the long dreamy hours of a teenager. An apparent contrast and a veiled eroticism pervade the images that Claudia Jares presents for the exhibition 2.0 My long play at the Angelo Marino's Dirartecontemporanea. The lean simplicity of the composition of the photographs seems to recall a precise dimension of our life, a time and space that preserve that existence threshold wherein the possibilities of being seem to be infinite deploying in a motionless and dreamy waiting. Something happens in this waiting: there are unravelled minimal stories in the sensual involuntary postures of the body, hidden stories, that go behind that place and time and tell the discover of themselves through the discover of the flesh. The scenario's horizon of the Claudia Jares' photos is not limitable to the physical boundaries of the finite place in the daily environment. The items are not elements of a formal construction of the image, but they belong to that environment, where their anonymity is bound to the touch, memories, sensations, actions, thoughts of the bodies living in. What is interesting is the time bound to that space, which is the time of a life: perception and imagination are a unique material. The protected room, separated from the rest of the house is an open horizon marked by a double valence because every element is captured in a chain of imaginative references. "My long play", the title chosen by Claudia for the photo series on display, is the play turning a given landscape in a imaginary one: the white curtain, with candid floral embroidery, becomes wedding veil or the rope with whom wrap the melancholy of an unconscious desire; the bed side of the unknown that it's guarded by the sleep, the window as welcome of the other that there is not, and the crucifix, empty symbol, becomes switchable scenic object witness of imaginative flows. The adolescence time is the continuous repetition of this play, a play space wherein everything becomes possible, within the boundaries of a room, "the shelter where everything happens" (C. Jares). Between evidence and allusiveness, reality and imaginary runs the ambiguous veil of the eroticism, almost in his rising discover, and the objectivity becomes "other" through the imagination. Where to place the threshold of the eroticism emersion? What is the boundary between imagination and Eros? Is there a time of the Eros separated from the time of the "play"? In the melancholy closure of the imaginative projections of the adolescence wherein images, objects, clothes are mediated from the cinema suggestions, from the advertising and generational myths, a music that you never get tired of listening to seems to give substance to everything that is hidden or that you want to hide from who already crossed that threshold. A play that is a discovery across the dream. Theatre of the time of the dream. The daydream wherein your body goes in an elsewhere, in the pleasure of the mimesthai. If in English with the term to play, indicates also the action of the actor in the scenic space, broadly speaking we could say that playing is placing yourself in a weave of relationship that opens a variety of ambivalent possibilities; the pleasure of the investiture of a role and his continuous negation, to stage through the door of the imaginary, the play of dressing/disguising as pleasure of the transfer as origin of self. Between life and theatre there is not any separation: the play, "my" play, is that staging of the body in a space wherein the time, the self and the other are established. Or rather the origin of Eros.

Claudia Jares. The play of Dreaming
di Ileana Maria Zaza

Uno spazio chiuso, quello di una stanza comune, antiquata; pochi arredi, un letto, un armadio e un comodino, una tenda bianca ricamata che filtra i raggi di sole di una finestra, un crocifisso appeso alla parete; una giovane donna dal corpo acerbo e con scarponcini neri; un tempo dilatato come le lunghe ore trasognate di una adolescente. Un apparente contrasto e un velato erotismo pervadono le immagini che Claudia Jares presenta per l'esposizione 2.0 My long play alla Dirartecontempornaea di Angelo Marino. La scarna semplicità della composizione delle immagini fotografiche sembra rimandare ad una dimensione precisa della nostra vita, un tempo e luogo che custodiscono quella soglia dell'esistenza in cui le possibilità dell'essere appaiono infinite dispiegandosi in una immota e sognante attesa. In essa qualcosa accade: nelle involontarie sensuali posture del corpo si dipanano storie minimali, nascoste, che travalicano quel luogo e quel tempo e dicono la scoperta di sè attraverso la scoperta della carne. L'orizzonte dello scenario delle foto di Claudia Jares non è limitabile ai confini fisici del luogo circoscritto dell'ambiente quotidiano. Gli oggetti non sono elementi di una costruzione formale dell'immagine, ma fanno parte di quell'ambiente, quasi spazio antropologico, dove il loro anonimato è legato al tatto, ai ricordi, alle sensazioni, alle azioni, ai pensieri dei corpi che lo abitano. Ciò che interessa è il tempo legato a quello spazio, che è il tempo di un vissuto: percezione e immaginazione sono un'unica materia. La stanza protetta, separata dal resto della casa è un orizzonte aperto segnato da una doppia valenza perchè ogni elemento è catturato in una catena di rimandi immaginativi. "My long play", il titolo scelto da Claudia per la serie fotografica in mostra, è il gioco che trasforma un paesaggio dato in paesaggio immaginato: la tenda bianca, dai candidi ricami floreali, diventa velo nuziale o la corda cui avvolgere la melancolia di un desiderio inconscio; il letto sponda dell'ignoto che il sonno custodisce, la finestra come accoglienza dell'altro che non c'è, e il crocifisso, simbolo svuotato, diviene permutabile oggetto scenico testimone di flussi immaginativi. Il tempo dell'adolescenza è la ripetizione continua di questo gioco, un lungo gioco in cui tutto diventa possibile, entro i confini di una stanza, "il rifugio dove ogni cosa accade"(C. Jares). Tra evidenza e allusività, realtà e immaginario corre il velo ambiguo dell'erotismo, quasi nella sua nascente scoperta, e l'oggettività quotidiana diventa "altro" per il tramite dell'immaginazione. Dove situare la soglia di emersione dell'erotismo? Qual è il confine tra immaginazione ed eros? C'è un tempo dell'eros distinto dal tempo del "gioco"? Nella chiusura melanconica delle proiezioni immaginative dell'adolescenza in cui immagini, oggetti, vestiti sono mediati dalle suggestioni del cinema, della pubblicità e dei miti generazionali, una musica che non ci si stanca mai di ascoltare sembra dare corpo a tutto ciò che è nascosto o che si vuole nascondere da chi quella soglia l'ha già oltrepassata. Un gioco che è una scoperta attraverso il sogno. Teatro del tempo del sogno. Il sogno ad occhi aperti in cui si trasporta il proprio corpo in un altrove, nel piacere del mimesthai. Se in inglese con il termine to play, giocare, si indica anche l'azione dell'attore nello spazio scenico, in una accezione lata si potrebbe dire che giocare è collocarsi in una trama di relazioni che apre una varietà di possibilità ambivalenti; il piacere dell'investitura di un ruolo e la sua continua negazione, un mettersi in scena attraverso la porta dell'immaginario, il gioco del vestirsi/travestirsi quale piacere del transfer come origine di sè. Tra vita e teatro non c'è alcuna separazione: il gioco, il "mio" gioco, è quella messa in scena del corpo in uno spazio in cui si costituiscono il tempo, il sè e l'altro. Ovvero l'origine dell'eros.

CLAUDIA JARES | Biography

Born in the small city of Baradero, province of Buenos Aires, Claudia's childhood was one of countryside and open air. Her family moved to Buenos Aires when she was 14, and only a few years later, when the country was under a military dictatorship, she left for Boston (1980). It was there, immersed in the city's art scene of the early 1980's, that her calling as a photographer became clear to her. She graduated from New England School of Fotography(NESOP) in 1982 and began working right away in Editorial, model agencies and as set photographer for music videos and short films. Life led her to Caracas, Venezuela (1990), where she continued her career as a freelance photographer for agencies and magazines, as well as participating in collective shows in the city. In 1998 back in Buenos Aires (for good), she has never stopped shooting. She studied Anthropology and Classical Theatre, involved both as performer and as photographer. Her work has been exhibited in private and public galleries in the city.

CLAUDIA JARES | Biografia

Nasce nella piccola città di Baradero, provincia di Buenos Aires, dove vi trascorre l'infanzia. All'età di 14 anni segue la famiglia a Buenos Aires che lascerà dopo qualche anno, a seguito della dittatura militare, per trasferirsi a Boston (1980) dove subito si inserisce nel contesto artistico partecipandovi attivamente e prendendo coscienza che la fotografia sarà la sua ragione di vita. Frequenta la New England School of Fotography(NESOP) laureandosi nel 1982. Teminati gli studi al NESOP inizia subito a lavorare per agenzie di moda, fotografo di scena per video musicali e cortometraggi. La vita la porta ad un nuovo trasferimento, questa volta a Caracas in Venezuela ( 1990 ) dove alternerà l'attività di freelance per agenzie e riviste e quella di ricerca partecipando a mostre collettive in gallerie private e spazi pubblici. Torna a Buenos Aires (definitivamente nel 1998 ) dove tutt'ora vive e lavora. Ha studiato Antropologia e Teatro classico, coinvolta sia come esecutore che come fotografo. Il suo lavoro è stato esposto in gallerie private e pubbliche della città.

ILEANA MARIA ZAZA | Biography

Born in Molfetta (Bari), she graduated in Philosophy at the University La Sapienza in Rome, and as a fellow master's degree in bioethics in Geneva. Then she undertooks a course of study theater. Always interested in film, art and value poietic image, in 2010 she specializes in Film Making at the New York Film Academy in New York and tooks part in the course of high specialization directed by Marco Bellocchio. Her professional career began as an assistant director to Memè Perlini, author and innovative theatre's researcher of the '70s and '80s, and Patrick Rossi Gastaldi. It features collaborations with Napoli Teatro Festival Italy and Todi Art Festival. She tooks part as actress in some plays, dramatized readings, dramas. After 2010 she dedicates herself mainly to directing by presenting some short plays and making his debut in 2012 at the Teatro dell'Orologio in Rome with the play "Come tu mi vuoi", a collective work on the unknown existence of the workers in the current living conditions, which received critical and public acclaim.
Parallel filmographie's activity includes the following productions:
2014 - To be Shakespeare in a day, Shakespeare Fest, Globe Theatre, Rome.
2013/2014 - Oggi insieme domani anche, documentary/ collective film by Marechiarofilm Production.
2013 - Best Before, Clermont Ferrand Short Film Market, The Voff and CinemavvenireFestival 2014.
2011 - Unknown.
2008 - Universo Teatro, "2009 Clermont-Ferrand Short Film Market".
2005 - Passioni del fare.
Her interest in art, video and photography is the reason of the collaborations with his father's business, Michele Zaza, as a subject for the photographs and a cameraman for the shots and videos. She writes also contributions for exhibitions and cultural events.

ILEANA MARIA ZAZA | Biografia

Nata a Molfetta(Bari), è laureata in Filosofia presso l'Università la Sapienza di Roma e diplomata in bioetica con un master a Ginevra. Dopo gli studi universitari intraprende un percorso di studi teatrali. Da sempre interessata al cinema, all'arte e al valore poietico delle immagini nel 2010 si specializza in regia cinematografica presso la New York Film Academy di New York e prende parte al corso di alta specializzazione in regia di Marco Bellocchio. L'attività professionale ha inizio come assistente alla regia di Memè Perlini, autore e innovativo sperimentatore degli anni '70 e '80, e Patrick Rossi Gastaldi. Annovera collaborazioni con il Napoli Teatro Festival Italia e il Todi Arte Festival. Prende parte in qualità di attrice ad alcuni spettacoli teatrali, letture drammatizzate, fiction. Si dedica più direttamente alla regia allestendo corti teatrali e debuttando nel 2012 presso il teatro dell'Orologio con lo spettacolo "Come tu mi vuoi" nato da una ricerca collettiva sull'incognita esistenziale del lavoro nelle condizioni di vita attuali, che ha riscosso plauso della critica e del pubblico.
Parallela l'attività filmografica che comprende le seguenti produzioni:
2014 - To be Shakespeare in a day,(5' 48"), Shakespeare Fest, Globe Theatre, Roma.
2013/2014 - Oggi insieme domani anche, documentario/film partecipato della Marechiarofilm.
2013 - Best Before, Clermont Ferrand Short Film market, VoffFest e CinemavvenireFestival 2014).
2011- Unknown. 2008- Universo teatro, "2009 Clermont Ferrand Short film Market".
2005- Passioni del fare.
Collabora con l'attività del padre, Michele Zaza, in qualità di soggetto fotografico, esecutrice degli scatti e realizzatrice dei video. Scrive testi e presentazioni per iniziative culturali ed eventi espositivi.

Copyright © 2012-2017 dirartecontemporanea 2.0 gallery
Webmaster Mirko Valentino
FOLLOW US